Home / Dipendenti Privati / Cessione del Quinto per Invalidi Civili: Ecco Come Funziona

Cessione del Quinto per Invalidi Civili: Ecco Come Funziona

cessione del quinto banner orizzontale

La cessione del quinto è il prestito che viene ripagato con una trattenuta sulla busta paga o sulla pensione e viene concesso ai dipendenti e ai pensionati.

Per i titolari di prestazioni pensionistiche ci sono alcune limitazioni, previste dalla legge, riguardanti la categoria di appartenenza.

La legge disciplina il funzionamento della cessione del quinto e prevede soprattutto chi ne possa fare uso, tutelando proprio le persone, evitando che possano impegnare le somme necessarie al proprio sostentamento.

Tra le prestazioni non ammissibili a questa formula di finanziamento compaiono le pensioni sociali, a cui si aggiunge l’invalidità civile.

Sono invece ammissibili le pensioni di anzianità e di reversibilità.

La cessione del quinto per invalidi civili, però, non è inibita, perché chi è titolare di una pensione di invalidità può vedersi concesso il prestito, in base al tipo di invalidità attribuita al richiedente.

Uno dei criteri utilizzati dagli istituti di credito per la verifica riguarda la gravità.

Se la patologia dovesse aumentare il rischio di decesso, ovviamente ci si ritroverebbe a di fronte all’impossibilità di rimborso del capitale erogato.

Il controllo sulla patologia viene effettuato attraverso perizie mediche ordinate dalla banca o dalla finanziaria e dall’assicurazione che emette la polizza a garanzia dell’ente che eroga il prestito.

L’obbligo della visita è stabilito dalla legge.

Chi richiede il mutuo è tenuto a fornire tutta la documentazione attestante la sua condizione di salute e quindi il rapporto della visita medica.

Generalmente a rilasciare il documento è il medico curante, che compila gli appositi moduli.

Il rapporto medico viene esaminato da esperti per decidere se concedere o meno la copertura assicurativa, propedeutica alla stipula del contratto del mutuo.

In caso di esito negativo, non sarà possibile accedere alla cessione del quinto per invalidi civili.

 

►  CLICCA QUI PER PREVENTIVI GRATIS DI CESSIONE DEL QUINTO   

L’Assicurazione nella Cessione del Quinto per Invalidi Civili

La legge lo prevede e quindi per ogni prestito vi è l’obbligo di avere una copertura assicurativa.

La polizza vita è necessaria per tutti, inclusi i pensionati, mentre per i lavoratori si deve prevedere in aggiunta una polizza per il rischio della perdita d’impiego.

Chi desidera presentare istanza per usufruire di un finanziamento attraverso la cessione del quinto per invalidi civili deve quindi sottoscrivere un contratto perché la compagnia di assicurazione intervenga, in caso si verifichi il decesso, per pagare il prestito ricevuto dal beneficiario, sollevando la famiglia da qualsiasi onere.

Il residuo viene così saldato dall’impresa di assicurazione.

Ovviamente non c’è solamente la banca o la finanziaria a necessitare di garanzie per rientrare del capitale, ma anche quello della compagnia assicurativa che vuole ridurre i rischi e quindi usa lo strumento normativo per fare una valutazione del reale stato di saluto della persona che presenta l’istanza per ottenere un prestito.

Prima di arrivare alle visite mediche effettuate ai fini assicurativi, bisogna verificare se si rientra tra i requisiti previsti per la cessione del quinto per invalidi civili.

La Cessione del Quinto per Invalidi Civili e la Classificazione dell’Inps

L’istituto previdenziale ha distinto due tipologie di invalidità: ordinaria, contraddistinta dalla sigla IO, e civile, contrassegnata con la sigla INCIV.

Comunemente si parla anche di pensione erogata dall’Inail, ma nella realtà la prestazione equivale a una rendita.

É bene conoscere con esattezza le caratteristiche delle due tipologie di prestazioni per sapere come comportarsi nella richiesta di cessione del quinto per invalidi civili.

L’assegno ordinario di invalidità, IO, viene riconosciuto ai lavoratori dipendenti e autonomi con una infermità di tipo fisico o mentale e per questo hanno l’opportunità di vedersi riconosciuti i requisiti contributivi.

L’assegno erogato mensilmente per l’invalidità civile, INCIV, è a tutti gli effetti una prestazione assistenziale e non ha alcuna subordinazione rispetto ai requisiti per la contribuzione oppure all’anzianità di lavoro.

La rendita concessa dall’Inail è, al contrario delle altre, un risarcimento destinato al lavoratore che ha subito dei danni, causa dell’impossibilità di proseguire nello svolgimento della professione.

Sono contemplati danni permanenti di vario genere che possano intaccare l’integrità psicofisica dell’individuo.

Tale rendita non può essere tassata, ceduta, pignorata e sequestrata.

Tra le due prestazioni di Inps e quella di Inail, l’unica che può essere utilizzata per la cessione del quinto per invalidi civili è l’invalidità ordinaria.

I Requisiti per Beneficiare della Cessione del Quinto per Invalidi Civili

I possessori di una prestazione di invalidità ordinaria possono accedere alla cessione del quinto, ma i requisiti da soddisfare sono anche altri, senza i quali il sostegno ricevuto non è sufficiente.

Per ottenere il prestito con la pensione di invalidità si devono soddisfare criteri comuni a tutte le istanze di mutuo attraverso la formula della cessione del 20% della pensione o dello stipendio.

Gli elementi obbligatori:

– l’ammontare netto che rimane al pensionato dopo aver ottenuto il finanziamento non può essere inferiore al minimo vitale stabilito annualmente dall’Inps, che agisce a norma di legge.
Per il 2017 tale cifra ammonta a 501,89 euro;

– la pensione percepita deve essere stata assegnata in modo definitivo, quindi non rivedibile dopo un certo numero di anni.
Nell’eventualità si dovesse ottenere un finanziamento attraverso la cessione del quinto per invalidi civili, la durata del contratto non potrebbe essere superiore al periodo che precede la revisione;

– l’età per richiedere il prestito non deve essere superiore agli 80 anni, per terminare almeno il contratto di finanziamento entro l’ottantacinquesimo anno di età, usufruendo di un prestito quinquennale;

– la somma richiesta deve poter essere restituita in un periodo tra i 24 mesi e i 120 mesi, come indicato dalle normative vigenti, e la rata non può superare l’ammontare del 20% della pensione percepita.
Naturalmente può essere inferiore di un quinto della pensione;

– si deve presentare un certificato sullo stato di salute, accompagnando il contratto per il prestito, come già spiegato, con una polizza assicurativa.
Ci vuole un verbale della commissione medica perché la copertura possa essere concessa e così il mutuo.

 

►  CLICCA QUI PER PREVENTIVI GRATIS DI CESSIONE DEL QUINTO   

 

Le Convenzioni dell’Inps

I titolari di pensione che desiderano ottenere denaro con la cessione del quinto per invalidi civili possono trovare sul sito dell’Inps con una lista di istituti di credito convenzionati.

Non sono gli unici a offrire i prestiti con questa formula, ma hanno tassi di interesse decisamente contenuti e permettono l’avvio della pratica in maniera semplice e veloce, sia da richiedere in banca o alla finanziaria, sia all’Inps.

L’istituto previdenziale non deve autorizzare l’erogazione del mutuo o la richiesta del pensionato titolare di prestazione di invalidità civile, ma deve prendere atto e adempiere alle necessarie misure per pagare la quota che serve a rimborsare il capitale con la rata mensile.

La trattenuta sulla pensione solleva il beneficiario dall’onere di pagare mensilmente.

L’Inps tratterrà l’importo e lo verserà direttamente all’istituto di credito, diventando corresponsabile del rispetto delle scadenze.

Come Richiedere la Cessione del Quinto per Invalidi Civili

L’istanza va presentata alla finanziaria o alla banca oppure in alternativa all’Inps.

Nel caso degli istituti di credito ci si reca presso la filiale e si ottengono i moduli specifici, nel caso si voglia avviare la pratica attraverso l’istituto previdenziale, è necessario accedere all’area riservata del sito internet dell’ente, con le proprie credenziali, e compilare i moduli da trasmettere online.

Vanno presentati all’ente erogatore il documento d’identità, il codice fiscale, l’ultimo cedolino della pensione e naturalmente la documentazione medica, come già precisato.

Una volta verificata l’idoneità del richiedente, sia in termini di requisiti formali sia riguardo allo stato di salute, in pochi giorni si ottiene il prestito attraverso la cessione del quinto per invalidi civili.

Servono pochi giorni.

Sicuramente questa formula di finanziamento è vantaggiosa, anche perché non si deve giustificare in alcun modo come si intende spendere il denaro, con la possibilità di ottenere un ammontare che può raggiungere i 75 mila euro.

banner cerchi prestiti con la cessione del quinto

Check Also

Cessione del Quinto per Acquisto Auto

Cessione del Quinto per Acquisto Auto: Ecco Come Fare!

Contenuti dell'Articolo1 Il Funzionamento del Prestito Auto2 Il Prestito Auto proposto dalla Concessionaria3 Il Finanziamento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *